page loader

Cannabis e Parlamento “Avanti con dibattito su legalizzazione”

“Quella delle droghe è una delle più grandi questioni sociali aperte nel paese, continuare ad affrontarla con il populismo penale significa aggravare i danni"

March 23, 2017
| | |
150 Likes
| Shares:
Image Carousel

 
Nei giorni scorsi abbiamo parlato delle nuove tensioni nella maggioranza di Governo perché da ieri è tornata all'esame delle commissioni Giustizia e Affari sociali della Camera la proposta di Legge sulla legalizzazione della Cannabis.

È dal maggio del 2013 che il Parlamento prova a modificare la legislazione sulle cosiddette sul tema Cannabis sia per quel che riguarda la coltivazione e l'uso personale per motivi 'ricreativi' che, soprattutto, per ciò che attiene il ricorso alla cannabis per motivi medici e terapeutici.

Il Tema è stato rilanciato anche oggi da i Radicale anche dopo le nuove affermazione del presidente dell’Anticorruzione Cantone che in Tv ha denunciato “l’ipocrisia proibizionista.


“Quella delle droghe è una delle più grandi questioni sociali aperte nel paese – affermano Riccardo Magi e Antonella Soldo, segretario e presidente di Radicali Italiani -  e i dati sulla diffusione e il consumo dimostrano che continuare ad affrontarla con il populismo penale significa aggravare i danni di decenni di politiche proibizioniste sul piano economico, della giustizia e della salute dei cittadini, senza scalfire in alcun modo il business del narcotraffico”.


“Gli irriducibili del proibizionismo se ne facciano una ragione: ormai sono rimasti davvero in pochi a difendere l’indifendibile. Legalizzare la cannabis è una questione di buon senso e il paese è ormai pronto per una riforma antiproibizionista. Insomma, il parlamento non ha alibi: vada avanti con la discussione sulla cannabis legale, anche a partire dalla proposta di legge popolare che come Radicali Italiani e Associazione Coscioni abbiamo depositato con le firme di 60 mila cittadini”.

Secondo l’ISTAT, ogni anno in Italia si vende droga per circa 10 miliardi di euro, 2,5 dei quali spesi per acquistare prodotti derivati dalla cannabis. Naturalmente è difficile quantificare l’esatto volume di affari in quanto discutiamo di un mercato sommerso di cui non si conoscono esattamente le dimensioni motivo per il quale l’istituto di statistica ha stilato i propri numeri al ribasso.

Tags: Cannabis , CBD , Enecta , Food , Indica , MedicalCannabis , News , Research , Sativa , Study , Support , Terapy , THC
Leave a comment

Please note, comments must be approved before they are published