page loader

Cannabis Medica: la parola d'ordine è "Ricerca"

  Israele è uno dei paesi leader, se non il primo, nella ricerca, studio e tolleranza nei confronti della marijuana. Sul finire dello scorso anno il Governo ha approvato una nuova riforma sanitaria che permette di utilizzare la Cannabis in ambito medico, i pazienti possono acquistare i prodotti in farmacie autorizzate

February 03, 2017
| | |
150 Likes
| Shares:
Image Carousel

 

Israele è uno dei paesi leader, se non il primo, nella ricerca, studio e tolleranza nei confronti della marijuana.

Sul finire dello scorso anno il Governo ha approvato una nuova riforma sanitaria che permette di utilizzare la Cannabis in ambito medico, i pazienti possono acquistare i prodotti in farmacie autorizzate a cui si accompagna una riduzione delle richieste e autorizzazioni necessarie per la coltivazione.
I pazienti che intendono curarsi con la Cannabis hanno bisogno di una semplice

prescrizione medica da parte del dottore, sono stati tolti tutta una serie di passaggi burocratici previsi in passato dal Ministero della Salute.

I numeri – I numeri ufficiosi in Israele parlano ad oggi di 23 mila i cittadini che si curano attraverso la cannabis medica.

La sperimentazione e le discussioni scientifiche, come ha dimostrato l’ultimo International Medical Conference Cannabis, indicano come quel numero sia destinato a crescere.

La parola d’ordine è la Ricerca, su cui Israele investe, è ad esempio in fase di sperimentazione clinica “farmaci” a base di Cannabis che possano curare la colite, il morbo di Crohn, alcuni sintomi di pazienti con paralisi celebrali, l’epilessia nei bambini, sindrome di Tourette, morbo di Parkinson, alcuni sintomi dell’autismo e alcuni effetti collaterali propri delle cure per il cancro.

L’utilizzo della Cannabis a scopo terapeutico si diffonderà ovunque, ormai questo è un movimento, una rivoluzione" affermava lo scorso ottobre Saul Kaye sulle colonne de L’Espresso. Kaye è il fondatore di "Israel Cannabis” un incubatore di startup ed ha lanciato un progetto molto interessante chiamato “CannaTech” che ha portato a Tel Aviv aziende agronome, hi – tech, investitori, e tutti coloro che sono interessati alla connessione tra le nuove teconologie con il mondo della Cannabis.

La storia tra Israele e la Cannabis è antica, comincia negli anni Sessanta quando Raphael Mechoulam ha studiato le proprietà della Cannabis isolando per la prima volta il THC.

Da quel momento in poi il Paese ha investito in studi, ricerca e sviluppo del mondo Cannabis e di conseguenza cogliendo le opportunità economiche provenienti dal mercato.

Tags: Ambrosia , Business , Cannabis , CannabisMedica , CBD , Enecta , Health , Hemp , MedicalCannabis , News , Realx , Support , THC , Work
Leave a comment

Please note, comments must be approved before they are published