page loader

Cannabis Terapeutica, 6 cose da sapere sul THC

  Quanto ne sappiamo circa il THC? In questo articolo parliamo di sei aspetti da sapere circa uno dei principali principi attivi della Cannabis. 1 - Il THC fu isolato e sintetizzato per la prima volta negli anni 60’ da Raffael Mechoulam, medico israeliano, tra i primissimi a studiare la Cannabis e le sue potenzialità,

March 02, 2017
| | |
150 Likes
| Shares:
Image Carousel

 

Quanto ne sappiamo circa il THC? In questo articolo parliamo di sei aspetti da sapere circa uno dei principali principi attivi della Cannabis.

1 - Il THC fu isolato e sintetizzato per la prima volta negli anni 60’ da Raffael Mechoulam, medico israeliano, tra i primissimi a studiare la Cannabis e le sue potenzialità, Mechoulam è considerato il "padre della Cannabis".

2 - Il THC è solo uno dei molti componenti presenti nella pianta, dove troviamo anche altre molecole come ad esempio il CBD e il CBG.

- Per saperne di più circa il CBD

3 - Quando al THC è stata riconosciuta la sua capacità terapeutica dalla FDA, negli Stati Uniti è stato diffuso nel 1985 per la prima volta sotto forma di farmaco, il dronabinol, sviluppato dall’Unimed Pharmaceuticals su finanziamento dell’istituto nazionale sul cancro.

4 - Il THC ha effetti positivi sulle cellule del cervello umano, o meglio il THC è considerato un “neuroprotettore” proteggendo le cellule del cervello da danni causati da eventi infiammatori. Citando uno studio pubblicato sul The Journal of Clinical Investigation gli scienziati dell’Università di Saskatchewan hanno dimostrato che il THC attraverso un processo conosciuto come neurogenesi promuove la crescita di nuove cellule cerebrali.

Il dottor Xia Zhang, responsabile del team di ricerca, in un’intervista su Science Daily disse: "Molte droghe sopprimono la neurogenesi, solo la marijuana promuove la neurogenesi”.
 
5 – Dopo la scoperta del THC, gli studiosi hanno scoperto elementi simili all’interno del corpo umano con cui spiegare inseguito gli effetti. Ciò avvenne esattamente nel 1992, quando sempre il dottor Mechoulam scoprì una molecola chiamata anandamide.

L’anandamide è una dei pochi cannabinoidi prodotti in varie parti del corpo, tra le quali il cervello.  Così come gli oppiodi agiscono imitando la loro naturale controparte, cioè le endorfine, i componenti chimici presenti nella Cannabis imitano i cannabinoidi presenti all’interno il corpo umano, chiamati endocannabinoidi.

6 - Il THC nell’immaginario collettivo è percepito per il suo stato di fattanza che crea in chi consuma Cannabis soprattutto con finalità ricreative, tuttavia non sempre è così.

Il THC è presente nella Cannabis in maniera particolare sotto forma di THCA, acido tetraidrocannabinolico, che altro non è che il suo acido precursore.

Il THCA non ha effetti psicoattivi ed è noto per i suoi usi terapeutici dal momento che possiede alcuni dei benefici terapeutici del THC. Il THCA è tipicamente convertito in THC quando esposto a calore, attraverso il quale subisce una reazione conosciuta come decarbossilazione.

 

 

 

 

Tags:
Leave a comment

Please note, comments must be approved before they are published