page loader

Cannabis Terapeutica: cosa succede in Europa?

Quasi tutte le strade portano ad Amsterdam perché un paziente che si trova a Roma o Berlino avrà un vasetto molto simile ad un proprio concittadino europeo

January 24, 2017
| | |
150 Likes
| Shares:
Image Carousel

 

Negli Stati Uniti i pazienti che scelgono la Cannabis come Terapia hanno la possibilità di scegliere tra diverse centinaia di varietà di Cannabis, ciò permette di trovare la tipologia più efficace per le proprie esigenze.

In Europa invece cosa sta accadendo? Sono in crescita i Paesi che stanno aprendo alla Cannabis Terapeutica però alcuni, vedi ad esempio la Germania, non sono ancora attrezzati per l’autoproduzione e quindi la situazione è molto diversa rispetto a quella che troviamo negli States o in Canada, dove sul tema Cannabis c’è grande fermento (Leggi).

In Italia e Repubblica Ceca dove stanno lavorando con la Cannabis medica, usano esclusivamente varietà provenienti dai Paesi Bassi, le varietà sviluppate da Bedrocan ed utilizzate dai pazienti per curare le proprie patologie.

Stesso discorso vale per la Germania che importa dall’Olanda, mentre l’Italia che ha cominciato con la produzione “In House” dovrebbe in un tempo definito abbandonare definitivamente Bedrocan.

Come riporta anche il portale web leafly.com fino al 2003 la società olandese Stichting Institute of Medical Marijuana, meglio conosciuta come SIMM, aveva offerto diverse varietà ma inseguito la licenza del produttore è stata revocata e ciò pare sia dovuto al fatto che la SIMM non voleva che la sua Cannabis venisse sterilizzata ai raggi gamma così come prevede il Ministero della Salute in tema di medicinali.

Al momento quasi tutte le strade portano ad Amsterdam perché un paziente che si trova a Roma, Berlino, Praga o Helsinki avrà un vasetto con della Cannabis molto simile ad un proprio concittadino europeo.

Quali sono le prospettive? Lo step che molti Paesi compiranno, dopo essersi dotati di una idonea legge, è quello della coltivazione in proprio con varietà specifiche a seconda delle esigenze dei pazienti.

In Canada e negli Stati Uniti dove la Cannabis Terapeutica è ormai legalizzata su quasi tutto il territorio nazionale, salvo piccole sacche di resistenza ideologica, il mercato si è aperto alla libera concorrenza permettendo così agli utilizzatori finali, cioè i pazienti, di poter accedere a prodotti migliori con costi ridotti.

Al contrario dei “colleghi” europei che vivono l’alba di una nuova fase che dall’altra parte dell’oceano sta testimoniando risultati molto importanti.
 
Approfondimento – Cosa sta succedendo in Canada?

Tags:
Leave a comment

Please note, comments must be approved before they are published