page loader

Infrange la Legge per curare la figlia “Con la Cannabis risultati incr

“Dall’età di sei anni – racconta il papà al Washington Post – ha le orecchie ‘cavolfiore’ come un lottatore di MMA”, la Cannabis suggerita da un amico

March 01, 2017
| | |
150 Likes
| Shares:
Image Carousel

 

La storia di Kara Zartler è molto dura, quando è nata insieme alla sua sorella gemella, dopo dieci ore di vita ha subito una emorragia cerebrale che ha le ha provocato una forma di autismo cerebrale grave, che nel suo caso si manifesta in comportamenti compulsivi autolesionistici, che hanno avuto inizio dall’età di quattro anni.

Kara vive con la sua famiglia in Texas “E’ uno spettacolo terribile da vedere” dice il papà Mark raggiunto telefonicamente dal Washington Post – si colpisce in faccia e non riesce a fermarsi, alcune volte riusciamo a recuperare la situazione ma altre volte è molto più difficile”.

La famiglia Zatler ha provato qualsiasi tipo di farmaco con scarsi risultati fino a quando ha deciso di provare la Cannabis su consiglio di un amico, anche se in Texas è illegale.

Dopo anni Mark Zatler ha deciso di rendere pubblica la sua storia sui media e rischia di essere denunciato, ma il suo obiettivo è sensibilizzare lo Stato del Texas a rendere Legge la proposta ora in Commissione affinché il Texas diventi il ventinovesimo Stato a legalizzare la Cannabis medica.

Mark è un ingegnere e sua moglie un’infermiera pediatrica, hanno dovuto nel tempo prendere permessi a lavoro per contenere letteralmente la furia autolesionistica di Kara.

A scuola sono stati costretti ad usare una camicia di forza perché la violenza che la ragazza esercitava su se stessa era incontenibile, procurandosi ferite e tagli della pelle, in una circostanza ha mandato la mamma in ospedale mordendole la mano.

“Dall’età di sei anni – racconta il papà nell’intervista – ha le orecchie ‘cavolfiore’ come un lottatore di MMA”.

La prima volta che Kara ha assunto Cannabis è stata attraverso un dolce preparato al forno, dopo averlo assunto, i genitori sono riusciti a portare la piccola al mare senza che si dimenasse in auto come nei precedenti falliti tentativi. “Fu un enorme successo” dice il papà.

“Non voglio sembrare un antagonista – conclude Mark Zatler nella sua intervista – ma con l’attenzione che la nostra storia sta avendo voglio lanciare un messaggio alle persone affinché venga fatta la cosa giusta”.

Tags: Cannabis , CBD , Enecta , Hemp , Indica , MedicalCannabis , News , Sativa , Support , THC
Leave a comment

Please note, comments must be approved before they are published