page loader

"L’utilizzo della Cannabis a scopo terapeutico si diffonderà ovunque"

  Israele si candida ad essere l’epicentro del mondo circa la ricerca, lo sviluppo e la diffusione della Cannabis. "L’utilizzo della Cannabis a scopo terapeutico si diffonderà ovunque, ormai questo è un movimento, una rivoluzione" afferma Saul Kaye sulle colonne de L’Espresso. Kaye è il fondatore di "Israel Cannabis” u

October 20, 2016
| | |
150 Likes
| Shares:
Image Carousel

 

Israele si candida ad essere l’epicentro del mondo circa la ricerca, lo sviluppo e la diffusione della Cannabis.

"L’utilizzo della Cannabis a scopo terapeutico si diffonderà ovunque, ormai questo è un movimento, una rivoluzione" afferma Saul Kaye sulle colonne de L’Espresso. Kaye è il fondatore di "Israel Cannabis” un incubatore di startup ed ha lanciato un progetto molto interessante chiamato “CannaTech” che ha portato a Tel Aviv aziende agronome, hi – tech, investitori, e tutti coloro che sono interessati alla connessione tra le nuove teconologie con il mondo della Cannabis.

La storia tra Israele e la Cannabis è antica, comincia negli anni Sessanta quando Raphael Mechoulam ha studiato le proprietà della Cannabis isolando per la prima volta il THC.
Sarebbero di oltre 23mila persone il bacino di utenti che usano la Cannabis terapeutica, un numero verosimilmente destinato a crescere.

Da quel momento in poi il Paese ha investito in studi, ricerca e sviluppo del mondo Cannabis e di conseguenza cogliendo le opportunità economiche provenienti dal mercato.

La politica non sta a guardare e cerca di supportare il settore, infatti lo scorso giugno il ministro della Salute, Yaakov Litzman, ha adottato una riforma che regolamenta la filiera della Cannabis, dalla coltivazione fino alla distribuzione finale nelle farmacie.

In questo momento in Israele sarebbero 150 le aziende protagoniste nel “business” della Cannabis terapeutica, l’obiettivo del ministero dell’Agricoltura è aumentare il numero di coltivatori a cui far ottenere nell’arco di due anni il via libera all’esportazione dei prodotti.
 
Secondo Kaye l’Italia insieme all’Australia rappresenta un mercato emergente su cui puntare che potrebbe generare un potenziale giro d’affari per miliardi di euro.

Tags: Cannabis , CBD , Enecta , Health , Hemp , Marijuana , Terapy , THC
Leave a comment

Please note, comments must be approved before they are published