Olio di CBD per mal di schiena: può dare sollievo?

Olio di CBD per mal di schiena: può dare sollievo?

 

 

Dagli studi condotti dai ricercatori dell’Università del Colorado emerge come il CBD può essere un rimedio molto valido per dare sollievo al mal di schiena
 
Lo studio è stato presentato nell’annuale appuntamento della North American Spin Society, in cui i ricercatori hanno evidenziato come il 90% delle persone con dolori legali alla schiena hanno sensibilmente riscontrato un miglioramento e sollievo dopo l’assunzione di estratti di Cannabis, quali appunto il CBD.

L’81% delle persone che si sono rese disponibili a far parte dello studio hanno dichiarato come rispetto ai medicinali tradizionali solo con il CBD hanno trovato un sollievo decisamente superiore.

Lo Studio – La ricerca è stata condotta nel Colorado Spine Center e sono stati esaminati 184 pazienti da parte di un gruppo di ricercatori coordinati dal dottor Michael Finn. Dei pazienti sottoposti agli studi il 19% ha dichiarato di fare abitualmente uso di Cannabis e meno della metà di loro si sono rivolti ad un medico per avere una prescrizione da Cannabis Terapeutica.

 

             

 

Metodi di assunzione - Tra i pazienti consumatori di Cannabis, circa il 90% ha ammesso di assumere Cannabis in maniera tradizionale e più comune, fumandola e quasi la metà di essi, il 45% circa ha dichiarato che questo è l’unico modo con cui assumono la Cannabis per dare sollievo al proprio mal di schiena.

Il 29% dei pazienti invece ricorre ad un Vaporizzatore, che sicuramente è il modo più naturale, per consumare la propria Cannabis, il resto dei pazienti invece usa il CBD come condimento agli alimenti.

 

Uno studio molto importante sicuramente non definitivo perché è ancora lunga la strada che la Scienza deve percorrere sul tema tuttavia è un risultato molto significativo che si aggiunge ad altri Studi e Ricerche che testimoniano quanti progressi sono stati compiuti sul tema della Cannabis Terapeutica e su come il CBD possa essere efficace per contrastare alcuni casi. (Per approfondire clicca Qui).

 

0 comments

Write a comment

Comments are moderated