page loader

Sana alimentazione e derivati della Cannabis in gravidanza

Studi scientifici sull'impiego della Cannabis in gravidanza e suggerimenti per una sana alimentazione   La gravidanza per la donna è un periodo tanto bello quan

September 29, 2016
| | |
150 Likes
| Shares:
Image Carousel

Studi scientifici sull'impiego della Cannabis in gravidanza e suggerimenti per una sana alimentazione

 

La gravidanza per la donna è un periodo tanto bello quanto delicato, perché nel suo grembo si forma giorno dopo giorno una nuova vita. La gravidanza è un processo fisiologico e coinvolge moltissimi meccanismi regolati finemente fra loro.

Una nuova vita significa nuove cellule e nuovi tessuti, da cui andranno poi a differenziarsi i vari organi e apparati. Questo richiede all’organismo di utilizzare tutte le risorse che ha per il nuovo bimbo e nel frattempo assicurarsi che alla madre non manchi nulla. Studi scientifici dimostrano quanto l’alimentazione della madre sia in grado di incidere non solo nella formazione del feto, ma anche nella sua futura predisposizione a disturbi, carenze o malattie degenerative. E’ fondamentale quindi, quando si pensa ad una gravidanza, assicurarsi di avere un’alimentazione sana e naturale in cui evitare tutti i cibi confezionati e preferire cibi freschi e integrali seguendo la stagionalità degli alimenti e scegliendo aziende che ne garantiscano la qualità, meglio se a km0, biologiche o biodinamiche.

L’alimentazione va scelta in base alla costituzione della madre e alla fisiologia dei 3 trimestri della gravidanza, durante i quali cambiano sia le necessità e i fabbisogni, sia la funzionalità di organi e apparati che possono essere più o meno impegnati durante ciascun trimestre e che è necessario supportare con una nutrizione adeguata al caso.  

L’alimentazione in gravidanza

Gli alimenti e le porzioni da consumare quotidianamente in gravidanza vengono consigliati dal professionista seguendo specifiche linee guida, rappresentate graficamente in una piramide alimentare specifica per la donna. Alla base ci sono cinque o sei porzioni di frutta e verdura con colori differenti per permettere l’introduzione di nutrienti diversi contenuti in cibi di colore diverso.

Seguono i carboidrati nella misura di una porzione per ogni pasto, a scelta fra: pane, pasta, grano, orzo, farro, segale, avena, miglio, mais, riso, quinoa e amaranto. Anche in questo caso è consigliabile alternare i cereali fra loro, integrali e biologici. Per quanto riguarda le proteine se ne consiglia una porzione al giorno a rotazione fra formaggi, uova, carne, legumi e pesce.

Lo stesso alimento proteico non andrebbe però consumato più di due volte a settimana. Abbiamo poi frutta secca a guscio e latticini con una sola porzione al giorno e i dolci con una porzione a settimana. Come condimenti l’olio extravergine di oliva non andrebbe limitato ma nemmeno abusato nelle quantità e se ne consigliano circa quattro porzioni al giorno.

Fra i cibi di origine vegetale che supportano la gravidanza ci sono fagioli, cereali integrali, avocado, noci e molti altri. E’ importante sottolineare che ad oggi non sono state dimostrate carenze in caso di alimentazione vegetariana o vegana in gravidanza quando questa viene seguita in modo bilanciato, specie dietro indicazioni fornite da uno specialista che soddisfino i bisogni nei 3 trimestri.

I derivati della Cannabis utili nella gravidanza:

Semi di canapa:

I semi di canapa sono ricchi di proteine, fibre e grassi. Rappresentano un alimento completo che può essere utile anche in gravidanza, essendo più digeribile rispetto alla carne: tre cucchiai di semi di canapa contengono fino a 10 grammi di proteine. Specialmente nel caso di alimentazione vegana e vegetariana, aggiungere semi di canapa alla propria alimentazione porta velocemente a soddisfare il fabbisogno giornaliero medio di circa 60-70 gr di proteine al giorno (il fabbisogno di proteine va calcolato con precisione in base al peso corporeo e al dispendio energetico giornaliero). I semi di canapa sono ricchi anche di acidi grassi essenziali come gli Omega 3 e di fibre, facilitando il transito intestinale. Possono essere aggiunti non solo a insalate, cereali o minestre, ma anche a frullati e yogurt.

CBD:

Uno studio scientifico pubblicato sulla rivista “Reproduction” e on-line dal National Institute of Health ha dimostrato che ci sono nuove evidenze scientifiche secondo cui i cannabinoidi potrebbero stimolare dei segnali che portano allo sviluppo della placenta, migliorandone il risultato.

La formazione della placenta è una delle fasi più importanti della gravidanza e il suo sviluppo richiede che il processo di proliferazione, differenziazione e apoptosi delle cellule sia regolato con precisione. Un’anomalia in questi processi porta alle patologie associate alla gravidanza. In questo studio è stato valutato l’endocannabinoide 2-arachidonoilglicerolo (2-AG) che fa parte del sistema endocannabinoide (ECS) coinvolto nella proliferazione cellulare e nell’apoptosi, un processo indispensabile per l’equilibrio dei processi biologici. Gli studi scientifici hanno evidenziato l’importanza dei segnali prodotti dai cannabinoidi durante il turnover cellulare, la cui deregolamentazione porta ad uno sviluppo alterato della placenta e quindi di gravidanze non andate a buon fine.

Per supportare al meglio la gravidanza il consiglio è quello di rivolgersi ad un professionista che sia in grado di valutare tutti gli aspetti al meglio e di accompagnare la donna in questo percorso meraviglioso.


Letture e approfondimenti:

  • Autori vari: “La cura naturale della mamma e del bambino”, Edizioni Enea, 2011.

  • Matteo Giannattasio: “Gravidanza e alimentazione, nutrire anima e corpo con cibo di qualità”, in I quaderni di Valore Alimentare, 2013.

  • Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana - SSNV

 

Dott.ssa Veronica Pacella

Biologa Nutrizionista

Tags: Cannabis , CBD , Enecta , Gravidanza , Health , Hemp
Leave a comment

Please note, comments must be approved before they are published

0
$0.00

Cart

X