page loader

Legalizziamo! il rush finale per la Cannabis Legale

  Il weekend alle porte sarà un vero e proprio tour de force per raggiungere le fatidiche 50mila firme necessarie per presentare il progetto di Legge sulla legalizzazione della Cannabis. Sono circa quindicimila le firme che mancherebbero per il raggiungimento dell'obiettivo. “Legalizziamo!” è il claim della campagna pr

October 21, 2016
| | |
150 Likes
| Shares:
Image Carousel

 

Il weekend alle porte sarà un vero e proprio tour de force per raggiungere le fatidiche 50mila firme necessarie per presentare il progetto di Legge sulla legalizzazione della Cannabis.

Sono circa quindicimila le firme che mancherebbero per il raggiungimento dell'obiettivo.

“Legalizziamo!” è il claim della campagna promossa tra gli altri da Radicali Italiani, Possibile! e Alternativa Libera, un gruppo di ex grillini.

L’iniziativa è ovviamente sostenuta anche dall’intergruppo parlamentare impegnato con la proposta di Legge arrivata in parlamento, slittata da agosto ad ottobre rischia di essere rinviata a data da destinarsi.

In questo momento la politica italiana è impegnata sul tema del referendum, e la proposta di Legge sulla legalizzazione sarà di nuovo all’esame delle commissioni Giustizia e Affari Sociali il 5 dicembre, il giorno dopo il voto referendario.

Benedetto Della Vedova, sottosegretario promotore dell’intergruppo in un videomessaggio durante una conferenza stampa sul tema ha detto: “Nell’opinione pubblica le idee anti-proibizioniste sono prevalenti, i favorevoli alla legalizzazione sono più del 50%, e gli antiproibizionisti ci sono in tutti i partiti, anche in quelli più tetragoni come la Lega. Llegalizzazione risolverebbe anche un problema di sicurezza, perché noi destiniamo oltre 10.000 operazioni di Polizia al contrasto della cannabis, con questa legge si liberebbe un grande spazio per contrastare quelli che sono i reati di vero allarme sociale”.

Il percorso della Legge in Parlamento sarà lungo e tortuoso. La proposta di Legge di iniziativa popolare rispetto a quella dell’intergruppo ha alcuni punti di differenza.

Prevede l’autocoltivazione libera fino a cinque piante, la possibilità di associarsi in gruppi di “coltivatori” senza fini di lucro chiamati cannabis social club e la coltivazione a fini commerciali previo ottenimento della licenza.

Tra i firmatari della proposta di legge di iniziativa popolare volti noti della politica e della cultura come Gianmarco Tognazzi, Roberto Saviano, Ilaria Cucchi, Emma Bonino e i sindaci di Parma, Torino e Napoli, Federico Pizzarotti, Chiara Appendino e Luigi De Magistris. 

Tags: CBD , Enecta , Health , Hemp , Marijuana , THC
Leave a comment

Please note, comments must be approved before they are published