page loader

Referendum e crisi di Governo: salta la Legge sulla Cannabis

Resta la proposta di Legge di iniziativa popolare promossa da Radicali e dall’Associazione Luca Coscioni che rimarrebbe in vita anche con il nuovo Governo

December 06, 2016
| | |
150 Likes
| Shares:
Image Carousel

 

Non c’è da essere ottimisti circa la legalizzazione della Cannabis in Italia. La crisi di Governo scoppiata dopo il referendum sulla riforma costituzionale rischia concretamente di spazzare via la proposta di Legge.

Dopo un breve passaggio nell’Aula di Montecitorio, la proposta di Legge redatta dall’intergruppo parlamentare, a ottobre è tornata nuovamente in Commissione dove rischia di essere definitivamente affossata.

L’ultimo caso lo scorso novembre, quando partito democratico e Lega hanno bloccato in Commissione Bilancio alla Camera, il tentativo di due deputati di Sinistra Italiana di introdurre la legalizzazione della Cannabis nella manovra finanziaria sotto forma di monopolio dello Stato e i proventi da destinare alle popolazioni colpite dal Sisma.

Tuttavia c’è anche una possibilità rappresentata dalla legge di iniziativa popolare promossa dai Radicali e dall’Associazione Luca Coscioni che non è approdata in Parlamento ma rimarrebbe comunque in vita anche con il nuovo Governo.

Le leggi di iniziativa popolare restano valide per due legislature consecutive tuttavia dando uno sguardo ai numeri non c’è da essere molto ottimisti perché dal 1979 ad oggi su 260 proposte di leggi di iniziativa popolare ne sono state approvate solo tre.

Tags: Cannabis , CBD , Enecta , Hemp , Italy , Marijuana , MedicalCannabis , News
Leave a comment

Please note, comments must be approved before they are published