page loader

USA, la ri-classificazione della Cannabis aiuta la Ricerca

Dallo scorso agosto l’amministrazione Obama sta cercando di operare un cambio significativo sulle politiche delle droghe e della prevenzione. La Drug Enforcemen

August 29, 2016
| | |
150 Likes
| Shares:
Image Carousel

Dallo scorso agosto l’amministrazione Obama sta cercando di operare un cambio significativo sulle politiche delle droghe e della prevenzione.

La Drug Enforcement Administration ha rigettato due petizioni, portate avanti dai governatori di Rhode Island e Washington in cui si chiede di mantenere la Marijuana nella Tabella 1 delle Controlled Substances Act.

Si tratta di un elenco di sostanze proibite, tra cui eroina ed LSD, che non hanno alcuna funzione medica e il cui uso è vietato dalla legge federale.

Questo elenco è solitamente usato per avere un controllo diretto sulle sostanze e soprattutto ricercatori e studiosi possono avere il permesso per prelevare campioni da studiare previe autorizzazioni.

Inserire la Marijuana in questo elenco è profondamente fuorviante dal momento che sempre più scienziati compreso il presidente Obama hanno più volte affermato che la Cannabis non è più pericolosa dell’alcool.

Nel corso degli anni, il Congresso e procuratori generali hanno rinviato la questione alla competenza del Dipartimento di Giustizia che impone le leggi in materia di droghe.

Fino ad oggi la D.E.A. ha resistito ad ogni richiesta da parte di scienziati, funzionari e legislatori nel depennare la Marijuana da quello status di pericolosità come le sostanza sopra citate.

Dal 1968, l'Università del Mississippi è stata l'unica ad avere il permesso di coltivare marijuana per la ricerca nel tempo però è cresciuto il numero di Università e Studi di ricerca a cui è stato concesso di coltivare la Pianta per fini scientifici. Prima di avviare una ricerca però i soggetti interessati devono ottenere molteplici approvazioni da parte dalle Agenzia federali quali appunto la D.E.A. e la Food and Drug Administration. Il Governo sta cercando di rendere questa prassi più veloce e diretta depennando la Marijuana dalla sua originaria collocazione legislativa.

Tuttavia la D.E.A. e la Food and Drug Administration affermano che non ci siano sufficienti prove per eliminare la Marijuana dalla Tabella 1. 

Mentre D.E.A. e la Food and Drug Administration puntano i piedi dall’altra parte crescono i cittadini che chiedono un accesso al farmaco a base di Cannabis come testimoniano le iniziative legislative dei singoli Stai come Alaska, Colorado, Oregon, Stato di Washington e il Distretto di Columbia che hanno legalizzato anche l'uso ricreativo.  I residenti di almeno cinque stati - Arizona, California, Maine, Massachusetts e Nevada - voterà sulle misure elettorali per legalizzare la marijuana ricreativo nel mese di novembre, e gli abitanti di Arkansas e Florida voterà sulle misure per legalizzare la marijuana medica.

Gli Stati Uniti si apprestano ad un cambio di coinquilino alla Casa Bianca, con un nuovo presidente le cose potrebbero cambiare. Hillary Clinton in caso di vittoria ha annunciato che proseguirà sulla strada intrapresa da Obama e quindi la rimozione della Marijuana dalla Tabella 1. Donald Trump ha detto che è personalmente contrario alla legalizzazione per uso ricreativo, ma sosterrà la Marijuana medica e il diritto degli Stati di fissare le proprie politiche.

Una decisione importante che potrebbe dare nuova linfa vitale al mondo della ricerca e della medicina.

 

Fonti

NyTimes

Huffington Post

Tags: Cannabis , CBD , Eliquid , Enecta , Hemp , Italy , Terapy
Leave a comment

Please note, comments must be approved before they are published